Era da una vita che non mi svegliavo in questo stato di estrema grazia mattutina.

Mi sono svegliata felice, forse perchè s che domani sarà il mio ultimo giorno o forse perché stasera festeggerò con i miei amici “più cari” il mio emigrare a Londra. Che bello! Sta succedendo, davvero! Now! Unbelievable! For Real! Happiness!!! Thank God!

 

Stoker

Regia: Par Chan Wook

Cast: Mia Wasikowska,  Nicole Kidman, Matthew Goode

Genere: Drammatico, Noir, Thriller

Durata: 100 min

 

…La fine dell’innocenza. .. in una famiglia disturbata…

Stoker è il primo film in inglese del regista coreano Park Chan – Wook.

Il film si incentra su un”atipica famiglia composta dalla madre Nicole Kidman che interpreta Evelyn,  il padre Dermot Mulroney interpreta Richard e la figlia India interpretata da Mia Wasikowska. India è sempre stata particolare,  frequenta una scuola pubblica ma sembra non comprendere il senso della parola socializzare e quindi si relaziona poco niente con i propri coetanei. 


India ha poche passioni, tra cui la malsana passione per le scarpe di vernice, un regalo standard del padre che riceve dalla più tenera età,  che appare assai gradita alla donzella in fiore.

 

Colpa il fato o forse no, il giorno dopo il suo 18esimo compleanno il padre muore in un incidente stradale, al funerale si presenta un parente sconosciuto, l’affascinante e creepy zio Charlie, che “fatalità” è di ritorno da lunghi viaggi per l’Europa (in teoria!) Lui è un personaggio atipico, un sociopatico vestito di cattiveria,  fascino e  sensualita’.

Il film è un altalenante gioco tra tensione e attrazione: la tensione sale per noi come spettatori perché siamo a conoscenza dei fatti e dei segreti dei personaggi… al col tempo le due protagoniste sono irrimediabilmente e voluttuosamente attratte dalla forte personalità del giovane zio Charlie. Il regista è bravo a creare tensione fin dalle prime immagini.

A detta di Wentworth Miller, autore della sceneggiatura doveva essere un “un film dell’orrore, un dramma famigliare e un thriller psicologico”  per me lo sceneggiatore ci ha azzeccato con 2 su 3 perché io non ho rilevato elementi tipici dell’horror forse in certe scene crude e disturbarti (tipiche del cinema asiatico). Ammetto  che non ho visto alcun film del regista coreano, famoso per la regia della trilogia della vendetta (vedi OLD BOY recentemente riadattato in forma! americana dal regista Spike Lee), ma conosco il cinema orientale e la sua passione per la violenza e le emozioni silenziose  e rese manifeste solo con il contagocce! 

Credo che la Wasikowska sia stata la scelta migliore: non rientra nei classici canoni di bellezza ma ha fascino che la rende perfetta per personaggi ambigui o donne fuori contesto. 

 

 

Il film mi ha leggermente disturbato: tra la crescente morsa di desiderio  vs. l’apparente innocenza di India. O semplicemente perché mi sarei fatta lo zio Charlie! haha haha haha

Momento indimenticabile: il duetto al pianoforte tra India & Charlie… un discutibile climax ascendente!






 

LYRICS:

Sweet words with fingers crossed
They seem so easy for you,
Between the lines I see through you,
We’re so whatever

You’re gone and I feel lost
In all, in all these games
With blurry eyes to scared to move
Bit by bit I’m disappearing

CHORUS.
And it’s alright, and It’s alright
As long as I can be with you
And it’s alright, and It’s alright
As long as I can stay

Those tempting looks again
Did they mean a thing to you?
But even if I’d fall for them
We’re still wherever

Afraid to lose control In all,
in all these games
With muted voice aloud inside
Bit by bit I’m disappearing

CHORUS
And it’s alright, and It’s alright
As long as I can be with you
And it’s alright, and It’s alright
As long as I can stay

I’m just a ghost in your eyes,
Like I’m never really there
Just one smile would make me happy,
But you don’t seem to care

Si può non amarlo!? Why Girls Love Fassy!

Ammetto che Michael Fassbender ha alzato il tiro tra i belloni hollywodiani, ora I’ll explain why:

1. handsome
2. best actor in circolazione
3. funny

4. shark teeth hahahahahaaha
5. dettagli in Shame
6. E’ Perfetto nei film in costume vedi “Jane Eyre”, ” A Dangerous Method” Ecc.

Ok! Gli inglesi, ancor meglio I giovani inglesi hanno una marcia in più nella musica a partire dal britpop fino al più recente genere electro pop (Disclosure, Bondax & AlunaGeorge) e nei telefilm vedi Shameless (Uk), via Broadchurch fino a Skins & My Mad Fat Diary!

Così navigando su youtube in cerca di nuovi beat con cui ballare e farmi trasportare ho beccato gli Years&Years con questo catchy and sexy single Real. OH MY! Un pezzo incantevole dove si parla di rottura e si sa, se vieni “mollato” scrivi i pezzi migliori e così ha fatto Olly (Alexander) frontman del gruppo! {Navigando su tumblr ho scoperto che è anche un attore Skins, Cheerful Weather for the wedding, Bright Star ecc.}
Il resto del trio è formato dal britannico Emre Turkmen e dall’australiano Michael Goldsworthy; una band nata online e con provini fatti sotto la doccia con influenze dell’rnb anni ’90.

Un pezzo da ballare se sei sola/o in casa o semplicemente sri nella fase I-Can’t-remember-any-of-my-worries-let’s-just-dance kind of mood!”

I broke my bones play games ewith you”

“I touch you but it starts to hurt, what I been doing wrong”

Nel video troviamo un confuso Ben Whishaw (actor visto in Profumo-storia di un assassino ) e Curtis (Nathan Stewart-Jarrett) di Misfits (serie tv Uk).

Il loro sound mi ricorda “Latch” dei Disclosure con un ritornello melodico e con un beat che fa l’occhiolino all’ alternative rnb.

“Brokenhearted people are the best songwriters! Case Die!”

Un grande pezzo electro soul-pop e non aggiungo altro!

Oh, I think I’m into you
How much do you want me, too?
What are you prepared to do?
Think I’m gonna make it worth
I’d talk to you but it don’t work
I’d touch you but it starts to hurt
What have I been doing wrong?
Tell me what it is you want.

Immagine

Film che si presenta intenso, si gioca molto sugli sguardi! La sensualità ne fa da padrona, un’ottima Kate!

E’ un film bello, profondo e stimolante e ancor di più che Kate ha più che meritatamente vinto l’Oscar per la sua eccellente interpretazione in questo film.
Ambientato nella Germania del dopoguerra “The Reader” narra la storia di Michael Berg, un quindicenne che soccorso per caso durante un malanno da una bella donna sulla trentina – Hanna – viene in seguito da lei sedotto e iniziato al sesso in una relazione che dura per alcuni intensissimi mesi. Michael e Hanna non si limitano però ad avere una relazione di tipo esclusivamente sessuale ma instaurano anche una complicità intellettuale: Hanna ama infatti moltissimo i classici che Michael legge a voce alta per lei tutti i giorni creando con questa donna adulta e affascinante una affinità che non potrà più dimenticare. Trascorsi molti anni in cui Michael non ha più notizie di Hanna e in cui nel frattempo è divenuto un giovane avvocato, Michael si troverà ancora una volta per caso nell’aula di tribunale in cui Hanna viene processata per aver avuto parte attiva nello sterminio degli ebrei. Turbato dalla scoperta di un passato così inaspettato della donna che ha amato intensamente da adolescente Michael non riesce a distaccarsi completamente dalla vicenda finendo per esserne nuovamente coinvolto…

image

Pure oggi è un giorno NO! I think I’ve messed up things this time. Più cerco di uscirne più le cose vanno male! Sto giro potrei essermi giocata lo stipendio. I segni.. mai sottovalutare i segni della sfiga.  Never!

Immagine
Il termine serendipità è un neologismo indicante la sensazione che si prova quando si scopre una cosa non cercata e imprevista mentre se ne sta cercando un’altra. (from Wikipedia)

Immagine

Estasiata dalla visione di questo film, non sono un’esperta ma per quanto mi concerne, ma soprattutto in base alla mia modesta opinione… è un film senza difetto! 
Non è sempre facile trarre un film da un’opera letteraria, soprattutto da un libro di Kazuo Ishiguro, ma spero che lui ne sia rimasto contento e soddisfatto del riadattamento.
Penso che questo film non sarebbe stato lo stesso con attori diversi: in primis le comprimarie KEIRA e CAREY la prima più esperta e tosta, la seconda fragile e avvolta da una tristezza solenne, consapevole che non riuscirà mai a raggiungere quella completezza che riesce a trovare tra lacrime e sofferenza interiore tra le note della canzone Never Let Me Go di Judy Bridgewater (cantante fittizia)
ù
Never Let Me Go è una delicata e mesta storia sulla scoperta della propria identità e sull’avvicinamento alla morte che ha il grande merito di concentrare tutta la sua attenzione sui tre personaggi, senza farsi portare dalle riflessioni etiche e politiche.
Sullo sfondo di quella che appare essere un’idilliaca oasi di campagna, Kathy, Tommy e Ruth, tre amici cresciuti insieme ad Hailsham, un isolato ed apparentemente perfetto collegio inglese, scoprono di essere dei cloni, specificatamente allevati per poi donare i propri organi e con una prospettiva di vita piuttosto breve.
 
Inizialmente non capiscono cosa significhi ESSERE UN DONATORE ma poi quando apprendono che ci sono e chi sono gli ORIGINALI e che loro non vivranno mai abbastanza per assaporare ciò che è vivere, diventrare adulti ma soprattutto diventare qualcuno: avviatore, pilota, infermiera o persino una prostituta che sia!!!
 
Per Certi versi mi ricorda Espiazione (Atonement): le similarità sono abbastanza evidenti (ai miei occhi):
  • Keira
  • Segue un pò il filone delle occasioni mancate per un qualsivoglia impedimento
  • Intrecci amorosi non sempre delineati
  • Destino irreversibile
Non mi soffermo sui principi ETICI largamente violati che ruotano attorno al film, ma soprattutto attorno ai protagonisti!
 
A mio parere un film che merita, senza alcun dubbio!!!
 
ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Sera, finalmente un pò di tempo per scrivere!

My Passion: I FILM!!!

 Immagine

Bè ho visto questo film e non ho fatto altro che ridere, un’ora e mezza di risate ininterrotte:

  • partiamo dal protagonista un giovane LOSER che è talmente sfigato che l’unica giovine che dormirà sul suo divano si rivelerà essere una super-zombie-girl!!!
  • le sue UNICHE E INIMITABILI REGOLE DI SOPRAVVIVENZA:
  1. Cardio
  2. The Double Tap
  3. Beware of Bathrooms
  4. Wear Seat Belts
  5. No Attachments
  6. The “Skillet”
  7. Travel Light
  8. Get a Kick Ass Partner
  9. With your Bare Hands
  10. Don’t Swing Low
  11. Use Your Foot
  12. Bounty Paper Towels
  13. Shake it Off
  14. Always carry a change of underwear
  15. Bowling Ball
  16. Opportunity Knocks
  17. Don’t be a hero (later crossed out to be a hero)
  18. Limber Up
  19. Break it Up
  20. It’s a marathon, not a sprint, unless it’s a sprint, then sprint
  21. Avoid Strip Clubs
  22. When in doubt Know your way out
  23. Zipplock
  24. Use your thumbs
  25. Shoot First
  26. A little sun screen never hurt anybody
  27. Incoming!
  28. Double-Knot your Shoes
  29. The Buddy System
  30. Pack your stain stick
  31. Check the back seat
  32. Enjoy the little things
  33. Swiss army Knife

*da una settiman circa è iniziata la serie tv di Zombieland… vedremo!

 

Immagine